Monthly Archives: settembre 2013

Torino, 25/09/2013: CasaPound Italia, scheletri alle fermate della GTT

Torino 25/09/2013: CasaPound Italia protesta contro il caro abbonamento ed il taglio alle corse voluto dal Gruppo Torinese Trasporti

“I torinesi rischiano di trasformarsi in scheletri ogni volta che aspettano un bus od un tram. – ha dichiarato Matteo Rossino responsabile provinciale del movimento CasaPound Italia – Il servizio pubblico, già scadente, è stato del tutto affossato con lo scellerato taglio delle corse, deciso dalla GTT con il benestare dell’amministrazione di centro sinistra”

“Per prendere la linea 55, che collega il centro con la popolosa zona di Santa Rita, il Palagiustizia ed il cimitero monumentale, si aspettano in media 20 minuti – ha spiegato Rossino – Altre linee strategiche sono state depotenziate rendendo decisamente sovraffollati i pochi mezzi di passaggio”

“Non contenta dei numerosi disservizi arrecati, la GTT ha altresì deciso un nuovo aumento del costo degli abbonamenti – ha aggiunto il portavoce dell’associazione – Il costo di un singolo biglietto limitato alla sola area urbana ha già raggiunto quota 1,50 euro. Ora toccherà ai mensili, che saranno aumentati da ottobre”

“Una città moderna ed a misura d’uomo non può tagliare il trasporto pubblico locale, ridimensionare il servizio ed allo stesso tempo aumentare costantemente i prezzi dei titoli di viaggio” ha concluso Rossino.

Novara, 05/10/2013: Festa per celebrare i due anni de “La Perla Nera”.

Festa perla nera 2013

Torino, 28/09/2013: L’asso di Bastoni presenta il primo torneo di FIFA 2013

torneo FIFA sett 2013

Festa Nazionale di CasaPound Italia 2013

NOI CI SAREMO, E TU?

 

Festa nazionale CPI 2013

Festa nazionale CPI-1 2013

Torino,11/09/2013: Molinette al collasso, CasaPound Italia appende striscioni a forma di cerotto agli ingressi dell’ospedale

Torino, 10 settembre – Un cerotto per l’ospedale che sanguina. E’ iniziativa di CasaPound Italia, che nella notte ha appeso striscioni a forma di cerotto sui muri delle Molinette di Torino. “Dopo le proteste dei medici e del personale delle Molinette, anche CasaPound Italia prende posizione a sostegno della battaglia per la difesa dell’ospedale – ha dichiarato Matteo Rossino, responsabile provinciale di Cpi – Non possiamo rimanere passivi mentre il più importante ospedale piemontese, il terzo in Italia per numero di occupati, si avvia inesorabilmente al collasso”.

“Le assunzioni sono bloccate e quindi vi è carenza di personale in tutti i reparti, i macchinari invecchiano e non si trovano i fondi per sostituirli, l’infrastruttura informatica di tutto il polo sanitario è arretrata e quindi non permette di rendere più efficienti numerosi servizi telematici – ha spiegato Rossino – Cota e Fassino sono alle prese con i loro calcoli da ragionieri mentre la sanità piemontese e torinese si avvia verso un inaccettabile declino. L’ospedale è ferito, sanguina, per questo abbiamo messo un cerotto – ha concluso Rossino commentando l’affissione degli striscioni – Siamo in contatto con il personale della struttura e, se in tempi ragionevoli la politica non interverrà in maniera significativa per risollevare le sorti delle Molinette, siamo pronti a scendere in piazza per difendere la sanità pubblica’’.

cerotto molinette 2013