Monthly Archives: gennaio 2013

Torino 24/01/2013: Nel giorno in cui si commemora l’Avvocato Agnelli, CasaPound chiede la nazionalizzazione della FIAT.

piangere

Torino: Nel giorno in cui si commemora l’Avvocato Agnelli, CasaPound chiede la nazionalizzazione della FIAT.

“Industriali e politici sono tutti riuniti a Torino oggi per ricordare l’Avvocato Gianni Agnelli. La Fiat oggi si è trasformata completamente, gli eredi dell’Avvocato hanno distrutto un patrimonio industriale di tutti gli italiani condannando Torino.” ha dichiarato Marco Racca coordinatore regionale di CasaPound Italia e candidato alla Camera dei Deputati. “Abbiamo, noi di CasaPound, un’idea chiara di quello che dovrà essere l’Italia di domani, un’Italia che dovrà tornare a mettere al centro il lavoro ed i lavoratori. Elkann e Marchionne hanno distrutto la Fiat in Italia portando la produzione all’estero ed è per questo che oggi, nel giorno in cui la Torino dei potenti commemora Agnelli noi di CasaPound invochiamo a gran voce la nazionalizzazione della Fiat. Laddove il capitalismo italiano ha miseramente fallito deve intervenire lo Stato assicurando crescita, lavoro e dignità ai tanti operai lasciati senza impiego”.

L’ufficio Stampa

Elezioni: Piemonte, CasaPound Italia deposita liste alla Camera e al Senato

Elezioni: Piemonte, CasaPound Italia deposita liste alla Camera e al Senato

Torino, 23 gennaio – “Sono state depositate le liste dei candidati di CasaPound Italia che correranno alle prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio”. Ad annunciarlo è Marco Racca, coordinatore regionale dell’associazione e candidato alla Camera dei Deputati in Piemonte 1, subito dopo il candidato premier Simone Di Stefano.

“Inizialmente la lista al Senato era stata bocciata dalla commissione elettorale, ma siamo stati sentiti dai magistrati ed avendo integrato la documentazione ora la lista è stata ufficialmente ammessa”, spiega Racca, che sottolinea: ”Siamo l’unica vera alternativa al sistema di potere che da decenni governa l’Italia e che ci ha portato sull’orlo della povertà. Siamo l’unico vero voto utile dato contro i politicanti e i banchieri. Bersani, Monti e Berlusconi hanno governato insieme per un anno intero umiliando i pensionati e distruggendo posti di lavoro; CasaPound Italia ha redatto un programma volto a promuovere la ricostruzione economica, sociale e morale dell’Italia e tutto ciò sarà possibile partendo dalla difesa dello stato sociale”.

“Le nostre liste ospitano numerosi esponenti della società civile impegnati da anni nelle battaglie politiche più difficili. Hanno deciso di candidarsi con noi sindacalisti di lungo corso, militanti politici impegnati nella lotta per il diritto alla proprietà della casa come Matteo Rossino, l’ing. Gaetano Saraniti, presidente dell’associazione di volontariato Progetto Braccia Tese che si occupa di assistenza ai disabili, il venticinquenne Federico Depetris, esponente di primo piano del sindacalismo studentesco torinese, Simone Molinario, giovane precario neo-laureato, gli operai Igor Bosonin e Maurizio De Pace. Numerose anche le donne che hanno deciso di affrontare questa avventura elettorale, tra cui Stefania Velles, neo-mamma, Chiara Santoni. giovane precaria, Angela Cordisco, casalinga. Chiude la lista per la Camera l’avvocato Luigi Vatta, stimato penalista e scrittore. Al Senato tra gli altri sono candidati con Cpi Carlo Melchiorre, Adriana Messa e Francesco Cipriani, storico militante politico torinese. Nei prossimi giorni organizzeremo una serata di presentazione del programma e dei candidati”.

Tutti i candidati di CasaPound Italia
CAMERA Piemonte 1:
Simone Di Stefano
Marco Racca
Igor Bosonin
Matteo Rossino
Maria Angela Cordisco
Federico Depetris
Vincenzo Rachele
Roberto Venturin
Chiara Santoni
Alessandro Binda
Gaetano Saraniti
Simone Molinario
Maurizio De Pace
Stefania Velles
Massimiliano Paccagnella
Davide Oddone
Alession Piran
Gabriele Sandri
Luigi Vatta

SENATO Piemonte:
Carlo Melchiorre
Monica Tosi
Antonio Fogu
Donato Bosonin
Dario Ferrero
Francesco Cipriani
Adriana Messa
Roberto Milan

CASAPOUND TORINO UFFICIO STAMPA
casapoundtorino@yahoo.it
www.facebook.com/CasaPoundTorino
www.casapoundpiemonte.org
www.casapounditalia.org

La paura e la malafede

Sul “TorinoCronacaQui” di oggi avrete letto che CasaPound non è stata ammessa al Senato regione Piemonte.
Non è stata ammessa per 2 motivi:
1 – mancanza di data di nascita sulle candidature (peccato siano tutte AUTENTICATE e corredate di Certificato Elettorale!!!)
2 – non era chiaro un autenticatore di firme quindi hanno pensato bene di considerarne oltre 200 non valide… (bastava informarsi e chiedere chi era… DATO CHE C’ERA PURE IL TIMBRO)

Vabbè, a pensar male si fa sempre in tempo, il ricorso è pronto e domani lo presentiamo. Non temete, CasaPound sarà presente anche al Senato!!!

INIZIATE A URLARE AL MONDO DI VOTARE CASAPOUND, L’UNICO VOTO UTILE!

ELEZIONI, CASAPOUND: STAMPA E VECCHI PARTITI OSTACOLANO FORZE GIOVANI

Roma, 22 gennaio – “L’attacco di certi organi di informazione e dei grandi partiti contro i movimenti che si presentano alle elezioni fuori dagli schemi e oltre le vecchie logiche sta oltrepassando la soglia d’attenzione: è il vecchio mondo che reagisce contro le forze più giovani e più radicali che hanno veramente a cuore il cambiamento in questa nazione”. Così, in una nota, CasaPound Italia ha commentato il clima che si è andato creando attorno alla presentazione delle liste per le elezioni regionali del Lazio e per le politiche alle quali per la prima volta il movimento presieduto da Gianluca Iannone ha presentato il proprio simbolo.

“In pochi giorni – continua la nota – abbiamo visto giornali romani di proprietà di certi gruppi di potere a noi sempre ostili presentare la nostra candidatura corredata da un simbolo errato e da un nome tronco. Qualcun altro ha invece presentato i candidati di CasaPound Italia parlando di ‘inquisiti’ e di ‘raccomandati’, confondendo forse il nostro movimento con i partiti ai quali certi giornalisti rispondono. La verità è che le nostre liste si distinguono per l’alta presenza di giovani, di donne, di persone che hanno speso gran parte della loro vita nella solidarietà e nella militanza. E se a qualcuno di loro è capitato di incappare nelle attenzioni della magistratura è unicamente in virtù di queste attività al fianco delle fasce più deboli, non certo per comportamenti simili a quelli che hanno visto finire sui giornali i vari Fiorito, Lusi, Penati o Maruccio”.

CasaPound Italia risponde inoltre a Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza e Difesa del Partito Democratico, che ha attaccato proditoriamente Alberto Palladino, contestandone la candidatura alla presidenza del IV municipio di Roma e alla Camera dei deputati: “Quando Fiano parla di vergogna dovrebbe guardare innanzitutto alle candidature imbarazzanti in casa sua – è la replica di Cpi – e lasciare agli elettori il compito di decidere chi è degno di sedere in Parlamento e chi no. Palladino è un militante politico che da anni fa politica e solidarietà sul territorio e proprio questo suo attivismo lo ha portato a subire gli attacchi sempre più violenti dei suoi avversari politici, con tanto di scritte minatorie e bombe carta sotto casa dei genitori. La sentenza che lo ha condannato in primo grado per una presunta aggressione si regge su presupposti giuridici fragilissimi e matura in un contesto di crescente politicizzazione del processo che ha portato anche molti osservatori esterni a esprimere forti perplessità sulla condanna. E comunque dei legalitari come quelli del Pd dovrebbero sapere che in Italia chiunque è innocente fino a sentenza definitiva, militanti di CasaPound inclusi”.

 

Sabato 19/01/2013: Festa del tesseramento a Casapound Italia

Come ogni anno riparte la campagna di tesseramento a CasaPound Italia.

Quest’anno la tessera assume un valore ancora più grandeù

Ore 21:00 presso il Circolo “Asso di Bastoni” in via Cellini 22 a Torino.

Incarna la Rivoluzione

Sali sulla nave
Segui la rotta

Aderisci a CasaPound Italia.