Monthly Archives: marzo 2010

28 Marzo 2010: Nasce Il Blocco Studentesco Novara

 

Novara – Nasce il Blocco Studentesco Novara e parte con la prima iniziativa all’Istituto Tecnico Agrario Bonfantini, organizzando un’assemblea di Istituto per approfondire il tema della Giornata del Ricordo del 10 febbraio: le Foibe.
Dopo la proiezione di un video sulla storia di queste terre negli anni dell’esodo istriano-dalmata, hanno portato la loro testimonianza la Sig.ra Licia Cossetto, sorella di Norma, donna simbolo della sofferenza dei nostri connazionali
e il Sig.Gianni Rebaudengo.
“Abbiamo voluto chiudere le polemiche scaturite dalla pubblicazione di un articolo in occasione della Giornata del Ricordo, portando chi fu tragicamente testimone di quegli avvenimenti” – cosi’ Federico Depetris responsabile regionale del Blocco Studentesco – “importante che anche nelle scuole di Novara si inizi a parlare apertamente di quello che fu un vero e proprio genocidio a danno degli Italiani”.
Questa e’ solo la prima iniziativa. Agiremo a 360 gradi in città non solo con iniziative culturali ma anche con proposte che interessano il mondo scolastico.
Nelle prossime settimane ci mobiliteremo per chiedere la riduzione degli abbonamenti dei mezzi pubblici per gli studenti che quotidianamente li usano per recarsi a scuola.
Blocco Studentesco Novarablocconovara@yahoo.it
333-6524319

27 Marzo 2010: Blocco Studentesco Novara, Il Blocco non scorda!

Novara – Nasce il Blocco Studentesco Novara e parte con la prima iniziativa all’Istituto Tecnico Agrario Bonfantini, organizzando un’assemblea di Istituto per approfondire il tema della Giornata del Ricordo del 10 febbraio: le Foibe.
Dopo la proiezione di un video sulla storia di queste terre negli anni dell’esodo istriano-dalmata, hanno portato la loro testimonianza la Sig.ra Licia Cossetto, sorella di Norma, donna simbolo della sofferenza dei nostri connazionali  e il Sig.Gianni Rebaudengo.
“Abbiamo voluto chiudere le polemiche scaturite dalla pubblicazione di un articolo in occasione della Giornata del Ricordo, portando chi fu tragicamente testimone di quegli avvenimenti” – cosi’ Federico Depetris responsabile regionale del Blocco Studentesco – “importante che anche nelle scuole di Novara si inizi a parlare apertamente di quello che fu un vero e proprio genocidio a danno degli Italiani”.
Questa e’ solo la prima iniziativa. Agiremo a 360 gradi in città non solo con iniziative culturali ma anche con proposte che interessano il mondo scolastico.
Nelle prossime settimane ci mobiliteremo per chiedere la riduzione degli abbonamenti dei mezzi pubblici per gli studenti che quotidianamente li usano per recarsi a scuola.

13 Marzo 2010: Inaugurazione di “Mazzardita” Spazio non Conforme di CasaPound a Verbania