> La Foresta che avanza – gruppo ecologista

Piemonte, 21/11/2013: Festa dell’albero 2013

Anche i vari nuclei piemontesi hanno partecipato, come oggi anno, alla commemorazione della Festa dell’Albero!

 

Ambiente: La Foresta che Avanza celebra la Festa dell’Albero, un arbusto in ogni Comune per dire ‘Mai più alluvioni’Roma, 21 novembre – Un albero piantato in ogni Comune e striscioni con su scritto ‘’Amate gli alberi come amereste i vostri figli”. Così la Foresta che Avanza ha ricordato anche quest’anno, come ogni 21 di Novembre, la Festa dell’Albero istituita in Italia da Arnaldo Mussolini. Una ricorrenza che il gruppo ambientalista ha voluto dedicare al popolo sardo, che, spiega in una nota il responsabile nazionale dell’associazione, Alberto Mereu, ‘’si trova ad affrontare con grande dignità una situazione tragica causata anche dall’incuria ambientale e da un dissesto idrogeologico provocato da chi sul grigio altare del profitto sacrifica il nostro patrimonio ambientale”.”Riteniamo doveroso prenderci cura del nostro territorio con atti concreti e visibili da chiunque – spiega Mereu – e per questo siamo felici di portare avanti la tradizione della festa dell’albero. ‘Amate gli alberi come amereste i vostri figli’ si legge sui nostri striscioni, e la scelta di questa frase non è casuale: non vi è futuro senza figli, così come non vi è futuro ambientale senza alberi. Troppo spesso le istituzioni non danno il giusto peso all’ambiente portando le nuove generazioni a percepire gli alberi come accessori urbani, prosciugandoli del loro valore spirituale; noi crediamo che essi meritino di tornare alla giusta considerazione, della quale godevano in epoche più civili rispetto a quella che la nostra Nazione vive oggi’’

Novara: La “Foresta che Avanza” raccolgie beni per i gattili e canili cittadini

raccolta FCA nvara 2013

Animali: azione choc della Foresta che avanza, peluche insanguinati in autostrada contro gli abbandoni

Gli ambientalisti di CasaPound, ‘un cane abbandonato è un cane condannato’

Roma, 1 luglio – Centinaia di peluche insanguinati abbandonati ai caselli autostradali e sulle principali strade d’Italia e una scritta: ”Un cane abbandonato è un cane condannato”. E’ l’azione compiuta questa notte dai militanti della Foresta che Avanza, gruppo ecologista di CasaPound Italia, per sensibilizzare cittadini e istituzioni contro l’abominevole pratica dell’abbandono dei cani, un’abitudine disumana che ogni estate fa decine di migliaia di vittime.
“Avendo a cuore l’ambiente e gli animali, riteniamo doveroso mostrare senza infingimenti la realtà di quello che accade quando decidiamo di abbandonare i nostri animali anche con azioni choc come quella messa in atto oggi – afferma Alberto Mereu, responsabile nazionale della giovane associazione, costola verde di Cpi – . Non ci possono essere alibi per questa infame pratica. Ogni anno, durante i mesi estivi, si contano oltre 100mila casi di abbandono, e, nonostante le tante campagne fatte, non possiamo considerare il problema risolto. Dobbiamo perciò adoperarci fino a che cessi questo scempio”.

 

Anche in piemonte:

13/04/2013: La Foresta che Avanza (CasaPound): Sit-in all’ingresso del Parco Regionale de La mandria (Torino)

Torino 13 aprile 2013: Manifestanti de La Foresta che Avanza protestano contro i tagli ai parchi naturali e alla proposta di introdurre un biglietto di ingresso a pagamento per visitare le aree verdi.

“La Giunta Regionale ha proposto l’accorpamento degli enti di gestione dei parchi naturali e vorrà rendere a pagamento l’ingresso negli stessi – ha spiegato il portavoce locale dell’associazione ambientalista vicino a CasaPound Italia – L’intendo della Regione è quello di tagliare sui parchi naturali perchè non producono reddito e quindi sarebbero sostanzialmente inutili. Contro questa arida logica contabile ci opponiamo con forza e determinazione”
“Abbiamo scelto La Mandria quale sede per questa manifestazione perchè questa oasi verde alle porte di Torino rischia di essere minacciata da una politica sempre più disattenta al territorio e alle esigenze dei cittadini. I torinesi amano i parchi naturali per le loro gite e la bellezza di questa riserva ricca di biodiversità vegetale ed animale non può soccombere per colpa dei piccoli ragionieri di Palazzo Lascaris.”
” I parchi naturali devono rimanere pubblici e gratuiti. L’idea di far pagare l’ingresso è un’idiozia senza precedenti: non vogliamo questo inutile e dannoso nuovo balzello”
“Oggi -ha concluso il portavoce – siamo qui fuori dal parco per sensibilizzare i cittadini e raccogliere le impressioni dei tanti frequentatori del parco, ma se la Regione non tornerà sui propri passi porteremo la protesta direttamente in Piazza Castello”.

 

La Foresta che Avanza: La Festa dell’Albero in Piemonte

Ambiente: un albero in dono ai Comuni d’Italia, la Foresta che avanza celebra il 21 novembre

Mereu: un modo per combattere il grigio delle nostre città e ricordare Arnaldo Mussolini, ideatore della festa

Piemonte, 21 novembre – Un albero in dono ai Comuni d’Italia. Per celebrare il 21 novembre, i militanti della Foresta Che Avanza, gruppo ecologista di CasaPound Italia, hanno piantato questa mattina alberi nelle piazze centrali di una cinquantina di città dal Nord al Sud del Paese sotto lo striscione ‘Buona festa dell’albero’.

“Abbiamo creduto giusto continuare a festeggiare la festa dell’albero per il secondo anno consecutivo per due motivi – spiega Alberto Mereu, responsabile nazionale Lfca – il primo, pratico, è combattere chi ritiene che il grigio delle nostre città debba sostituire il verde che da millenni caratterizza la nostra Patria; il secondo, morale e simbolico, è richiamare alla memoria la figura di Arnaldo Mussolini, il quale, proprio il 21 novembre di oltre ottant’anni fa, aveva istituito tale festività, dimostrando un amore senza tempo per la sua terra.

Noi militanti della Foresta Che Avanza – conclude Mereu – renderemo questa festa una tradizione imprescindibile affinché mai sia dimenticato l’amore che legava i nostri padri e che tuttora lega noi all’Italia”.

www.laforestacheavanza.org
www.casapounditalia.org
www.casapoundpiemonte.org