> Torino

Torino, 19/09/2014: L’Asso di Bastoni presenta “L’animo dei Corsari”.

 

Venerdi 19 Settembre 2014
dalle h 21,30

L’ANIMO DEI CORSARI
Vita e avventure di valorosi uomini di mare

interviene
MASSIMO ALFANO
autore del libro edito da “ Addictions-Magenes Editoriale”

“vivi questa vita, come un’avventura!”

animo dei corsari

13/09/2014: Riapre Uscocchia!

 

Sabato 13 Settembre 2014
HAI DA FARE
… RITROVA TE STESSO!

riapertura ufficiale di Uscocchia

dalle 17,00
APERITIVO OFFERTO
SCONTI FINO AL 50%

… si ricomincia!

riapertura uscocchia 13-09-2014

Torino, 02/09/2014: “A morte i due marò”, Torino deturpata da scritte contro i due fucilieri di marina

 

Torino 2 sett.: CasaPound Italia, “Fassino intervenga subito”.

“Il quartiere Aurora di Torino, sede di un noto centro sociale cittadino, è stato devastato da scritte contro i nostri soldati prigionieri in India – ha denunciato Matteo Rossino responsabile provinciale di CasaPound Italia – Fassino deve intervenire subito per fa rimuovere questo scempio”.

“Proprio nel giorno in cui Latorre è stato colpito da un malore – ha proseguito Matteo Rossino – un gruppo di imbecilli con bombolette spray ha voluto dar libero sfogo alla propria pochezza umana”

“ I nostri due marò sono illegalmente detenuti da uno stato che non conosce le più elementari regole di civiltà giuridica ed oltretutto sono innocenti come dimostrato da innumerevoli perizie – ha concluso Rossino – Fino a che i due marò non torneranno in Italia tutti i nostri connazionali devono sapere che quando si recano all’estero possono essere vittima dei soprusi delle altre nazioni. Difendere la propria sovranità nazionale significa difendere la propria libertà.”

a morte i marò

Torino,09/08/2014: Apericena per gaza all’asso di Bastoni

 

Sabato 9 Agosto 2014

Festa di chiusura Estiva +
Raccolta fondi Emergenza ‪#‎Gaza‬

Apericena ore 20,30 a 10€
IL RICAVATO SARA’ DEVOLUTO A Solidarité identités onlus per la Popolazione della Striscia di Gaza.
E’ necessaria la prenotazione per la preparazione.

Aperti fino a tarda notte per svuotare la cambusa…
e poi ci si rivedrà a fine Agosto!

Prenotate!

Gaza asso di bastoni

Torino, 17/07/2014:Matteo Rossino, identità comunali plurisecolari minacciate da una riforma fumosa che ingrasserà solo il ceto burocratico lottizzato dai partiti.

 

Torino 17 luglio: Matteo Rossino, identità comunali plurisecolari minacciate da una riforma fumosa che ingrasserà solo il ceto burocratico lottizzato dai partiti.

“E alla fine pare che il pachiderma della burocrazia torinese si stia muovendo per far diventare realtà la ‘Città Metropolitana’, l’ente che sostituirà la Provincia – ha dichiarato Matteo Rossino responsabile provinciale di CasaPound Italia – la Città Metropolitana sarà ovviamente egemonizzata da Torino ed avrà poteri maggiori di quanti ne disponesse la Provincia.”

 “Parrebbe non esserci nulla di male nell’attuare una forma più efficiente di centralismo, tuttavia – ha proseguito Rossino – basta vedere come si stanno muovendo i principali partiti per capire che questa riforma ingrasserà solo il ceto burocratico lottizzato dai partiti. Sono infatti tutti pronti ,PD e FI in testa, a spartirsi il ricco bottino di nuove nomine, appalti, pianificazione delle infrastrutture etc a discapito, c’è da scommetterci, di buona parte dei comuni, che prima sovrani del loro territorio ora si vedranno costretti a confrontarsi con le esigenze di Torino, i cui interessi certamente prevarranno su quegli, altrettanto legittimi, delle comunità limitrofe.”

“Un esempio? – ha continuato Rossino – La metropolitana. Il progetto originario prevedeva che la metrò arrivasse a Rivoli così da servire tutta l’ampia zona ovest della provincia. I soldi sono stati dirottati, invece, sul prolungamento, per pochi chilometri, della linea urbana torinese, a tutto svantaggio di decine di migliaia di pendolari”.

“Non può, inoltre, essere taciuto, che la Città Metropolitana consegnerà nelle mani di Fassino e del PD praticamente tutto il territorio della provincia, anche, quindi, quelle zone da sempre fieramente in opposizione al centro sinistra. Un regalo importante per un ceto politico che già controlla la Città di Torino e che si vedrebbe così padrone anche delle municipalizzate di realtà periferiche.”